Salta al contenuto principale

Guida alla raccolta differenziata

Plastica 1
Carta 2
Umido3
Vetro e lattine 5
Secco indifferenziato 4
Isola ecologica 6
Olio vegetale7
Tessili sanitari8
Compostaggio domestico9
Sfalci e ramaglie10
Rifiuti ingombranti 11
Pile esauste12
Farmaci scaduti13

PLASTICA

COME
Usare solo i sacchetti forniti da C.B.B.O. o dal Comune.

Imballaggi con simboli PE, PET, PVC, PS, PP, imballaggi in polistirolo, bottiglie e contenitori per alimenti, flaconi per detersivi ed igiene personale (shampoo, sapone liquido, ecc), confezioni sagomate (uova), sacchetti in plastica, vasi per vivaisti, piatti e bicchieri monouso in plastica.

No

Custodie per cd, dvd e videocassette; posate in plastica; metalli ferrosi e non; borse, zainetti e sporte; barattoli e sacchetti per colle e vernici; posacenere e portamatite; giocattoli; imballaggi con evidenti residui di contenuto; qualsiasi manufatto non in plastica; grucce appendiabiti.

Puoi mettere nella plastica solo gli imballaggi in plastica. Ricorda: è buona norma sciacquare i contenitori e schiacciarli per ridurre lo spazio da occupare. Il polistirolo di imballaggi voluminosi va conferito all’ISOLA ECOLOGICA.

Il riciclo della plastica è molto importante, gli imballaggi di plastica recuperati possono infatti tornare a nuova vita sotto forma di oggetti utili e di uso comune: basti pensare che con 45 vaschette di plastica si può produrre una piccola panchina e con 20 bottiglie pet un maglione in pile.

CARTA

COME
Esporre la carta in imballi in carta o cartone a perdere o legata con dello spago.

Imballaggi con simbolo CA; cartoni per bevande in Tetrapak; giornali e riviste; libri e quaderni; fotocopie e fogli vari; scatole per alimenti (pasta, sale, ecc.); imballaggi di cartone; sacchetti e buste di carta.

No

Carta plastificata; carta oleata; cartoni della pizza sporchi; poliaccoppiati.

Hai tanta carta? Portala all’isola ecologica. Poco spazio? Compattali! Apri i cartoni e legali con spago o scotch carta. Il Tetrapak: mettilo nella carta! Porre sempre attenzione alla tipologia di rifiuto conferito.

Dare una seconda vita alla carta è fondamentale: più del 90% dei cartoni in commercio e delle scatole di scarpe sono prodotti con materiale riciclato. Con il cartone riciclato si costruiscono inoltre mobili e complementi d’arredo.

UMIDO

COME
Per la raccolta dell’umido domestico utilizzare i sacchetti forniti da C.B.B.O. o dal Comune.

Scarti alimentari di cucina (sia crudi che cotti); scarti di frutta e verdura (anche avariati); carni e ossi; scarti di pesce; bustine di the e camomilla; fondi di caffè; pasta, pane, riso e granaglie; gusci d’uova; tovaglioli di carta non colorati; terriccio e fiori; tutto ciò che si decompone di natura alimentare.

No

Vasetti dello yogurt; lettiere per animali; vetro; plastica; metalli; barattoli in vetro; stoviglie e posate monouso in plastica; vaschette per alimenti in plastica e alluminio; film in alluminio e plastica; fazzoletti e cenere.

Porre sempre attenzione alla tipologia di rifiuto conferito. Esporre il sacchetto solo nel contenitore chiuso. No bidoncino traforato. Si possono usare anche le borse della spesa ecologiche fornite dai supermercati e certificate dai bollini

SECCO INDIFFERENZIATO

COME
Usare solo i sacchetti o i contenitori forniti da C.B.B.O. o dal Comune.

Gomma; cassette audio e video e posate di plastica; secchielli; bacinelle; giocattoli; penne biro; spugne; carta oleata; carta plastificata; calze in nylon; cocci di ceramica (piatti, tazze, ecc.); pannolini; cosmetici; polvere dell’aspirapolvere e spazzatura degli ambienti; poliaccoppiati (carte del caffè, biscotti e merende); tutto quello che non si può riciclare.

No

Rifiuti riciclabili. Non introducete materiali riciclabili, causereste uno spreco di risorse preziose e un danno all’ambiente!

I sacchi non conformi non saranno ritirati. Prediligere prodotti con imballi che siano riciclati o riciclabili o realizzati con minori quantità di imballaggi. Usare beni che possano avere una vita più lunga. Utilizzare per più volte i medesimi materiali, anche, con un pizzico di creatività, trovando agli stessi una nuova funzione. Evitare i consumi superflui.

Con l’espressione rifiuto secco indifferenziato ci si riferisce a quella parte di rifiuti che, a causa della loro natura, non possono essere avviati a riciclaggio (ossia la parte che resta dopo la differenziazione).

VETRO E LATTINE

COME
Utilizzare solo i bidoncini forniti da C.B.B.O. o dal Comune. Per conferimenti eccezionali, usare solo un secchio dotato di manico da posizionare a fianco del contenitore standard.

Vaschette d’alluminio; bottiglie; fiaschi; vasetti per alimenti; lattine per bibite o per alimenti.

No

Qualsiasi oggetto in ceramica; lattine di olio minerale; lampadine, lampade a scarica (neon) e specchi (contengono sostanze pericolose per l’ambiente, assolutamente non compatibili con il riciclo del vetro utilizzato come imballaggio per alimenti).

Porre sempre attenzione alla tipologia di rifiuto conferito. Non utilizzare sacchetti di plastica. Non è necessario risciacquare gli imballaggi in vetro prima di differenziarli, ma è molto importante svuotarli bene da eventuali residui. Non preoccuparti di eliminare etichette o altri accessori che non vengono via. Occhio alla ceramica, il nemico giurato del vetro! Un solo frammento può rovinare tutto il processo di riciclo. Se il cristallo va in frantumi... non gettarlo insieme al vetro. Bicchieri, oggetti e bottiglie in cristallo contengono un’elevata quantità di piombo, che non deve contaminare il processo di riciclo del vetro da imballaggio.

Il vetro ha origini molto antiche (più di 5.000 anni!) ed è prodotto fondendo ad altissime temperature sabbie speciali con aggiunta di soda e calcio. Riciclare il vetro permette di conseguenza di risparmiare un’elevata quantità di energia.

ISOLA ECOLOGICA

L’isola ecologica è un luogo attrezzato per il recupero di molti materiali e lo smaltimento corretto di quei rifiuti che non possono essere inseriti nei contenitori domestici.

Carta e cartone; imballaggi di plastica; materiali ferrosi; rifiuti ingombranti; oli alimentari e minerali; apparecchiature elettriche ed elettrodomestici; vetro e legname; batterie d’auto; pneumatici; neon e lampadine; giocattoli elettronici etc.

Per accedere all’isola ecologica è necessaria la tessera sanitaria e per le aziende l’Ecocard.

OLIO VEGETALE

QUALE OLIO RACCOGLIERE
Olio usato in cucina per friggere, olio di conservazione dei cibi in scatola, grassi vegetali e animali (es. burro).

COME RACCOGLIERLO
Lascia raffreddare l’olio, versalo in una bottiglia di plastica e assicurati sia ben chiusa, cerca il punto di conferimento più vicino nel tuo Comune e introduci direttamente la bottiglia nel contenitore.

No

Non gettare l’olio esausto negli scarichi, è altamente inquinante!

TESSILI SANITARI

In alcuni Comuni è attivo il servizio di raccolta porta a porta dei tessili sanitari (pannolini e pannoloni). Puoi gestire i tessili sanitari con l’apposito sacco viola, oppure tramite dedicati contenitori posizionati nel territorio. Consulta la pagina del tuo Comune per scoprire se il servizio è disponibile!

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Il compostaggio domestico consiste in un processo naturale che permette di trasformare gli scarti organici della cucina e del giardino in compost, un ottimo concime per le piante. Creare il compost in casa è semplice e conveniente. È sufficiente avere a disposizione un orto o un giardino, sia per disporre dello spazio necessario, sia per avere ulteriori scarti vegetali. Per info sulla compostiera, contattaci!

Circa il 30% dei rifiuti domestici è composto da rifiuti organici. Separarli Correttamente permette di non disperdere importanti risorse e di creare un ottimo fertilizzante. Grazie infatti al riciclo di 10 kg di umido si produce compost per fertilizzare 1 m2 di terreno.

SFALCI E RAMAGLIE

Gli sfalci, gli scarti verdi da giardino e le potature vanno legati in fascine o raccolti in sacchi da svuotare al momento del conferimento. Sono da conferire all’isola ecologica e nei green service posizionati sul territorio. Il conferimento è a cura dell’utente.

No

Corde, legacci, sacchi e contenitori di plastica, che una volta svuotati, vanno puliti e differenziati nella plastica o riutilizzati.

RIFIUTI INGOMBRANTI

Il servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti ingombranti è disponibile su richiesta. Il servizio è a pagamento e sono previste tariffe calmierate per alcuni Comuni.

Si prega di contattare C.B.B.O. al tel 030902605 oppure scrivendo a logistica@cbbo.it

PILE USATE

Per la raccolta di pile esauste sono presenti sul territorio appositi contenitori. Resta comunque disponibile il centro di raccolta/isola ecologica.

FARMACI SCADUTI

I medicinali scaduti non devono essere buttati insieme ai rifiuti indifferenziati perché altamente inquinanti ma vanno conferiti nei contenitori posizionati nei pressi delle farmacie o all’isola ecologica. È necessario coprire sempre aghi di siringhe e altri strumenti medicali prima di gettarli.

Guida alla raccolta differenziata